venerdì 14 febbraio 2014

SIMENON SIMENON. 25 ANNI SENZA SIMENON, MA...

Come avevamo ricordato in un post dei primi di quest'anno, nel 2014 ricorre il 25° dalla scomparsa di Simenon. Nel corso di quest'anno pubblicheremo una serie di post, contrassegnati dal logo qui a sinistra. Con questi interventi vogliamo ricordare e documentare soprattutto le reazioni, le testimonianze e gli avvenimenti che seguirono questa perdita: quello che scrissero i giornali, ciò che dissero letterati, critici, amici, quello che fu realizzato per ricordare la sua figura. L'abbiamo intitolata "25 anni senza Simenon, ma..." dove quel "ma" sta indicare come, comunque, lo scrittore, con i suoi romanzi, il suo Maigret e il ricordo della sua vita, ci sia stato sempre accanto e lo sarà ancora per lunghissimo tempo. E' un tributo che Simenon-Simenon realizzerà con una serie di interventi che dureranno tutto l'anno.


E iniziamo subito con la pubblicazione della prima pagina de Le Figaro del 7 settembre 1989, che apre con la notizia della scomparsa dello scrittore e che annuncia una serie di articoli di commemorazione, dedicati al romanziere. Il fondo è affidato a
Jean D'Ormesson, giornalista e scrittore, che di quel quotidiano era stato anche direttore, con un titolo estremamente significativo "Maigret, c'est nous".
Nel riquadro sotto la vignetta di Jacques Faizant, dove Simenon è raffigurato come una stella nel cielo, e intitolata La stella polare,
c'è il sommario dell'omaggio degli scrittori: Angelo Rinaldi, Patrick Modiano, Leo Malét, Roger Stéphane, Alain Pyrefitte, Jean-Marie Rouart...
E poi le testimonianze di nomi della cultura vicini all'universo simenoniano: Bernard de Fallois, Daniel Gélin, Jean Delannoy, Pierre-Granier-Deferre.
Ancora. Ci sono interventi ed articoli di critici e studiosi, tra cui quello che sarà uno dei suoi più qualificati biografi, Pierre Assouline.
Nel suo fondo, D'Ormesson  scrive tra l'altro: "... Simenon non s'è accontentato di creare un eroe popolare: si è confuso con lui. Il commissario Maigret era Simenon lui stesso, ma aldilà di Simenon con la sua pipa, con le sue manie, i suoi problemi quotidani, egli era ciascuno di noi. E noi entriamo con lui nelle sue inchieste che sono forse delle inchieste poliziesche, ma anche e soprattutto delle inchieste romanzesche sul cuore del nostro tempo...".

1 commento:

Andrea Franco ha detto...

che bel tributo la prima pagina di un quotidiano cosi importante.chapeau..gli è mancato davvero solo i l nobel