martedì 19 febbraio 2013

SIMENON. LA "MEMORIA" DEI CALCOLI PER MAIGRET E PER LE "BAL"


"...arrivai a stabilire così un prezzo di vendita di sei franchi a volume, a metà strada fra quello dei romanzi popolari e quello delle opere letterarie. 
- Un prezzo sbagliato - mi fece osservare Fayard - alla gente non piace dover pagare con una banconota da cinque franchi e poi dover tirar fuori di tasca ancora una moneta da un franco. Ci vuole una cifra tonda. Cinque franchi...".
Questa discussione tra Simenon e Arthéme Fayard avveniva alla vigilia del lancio del nuovo personaggio: il commissario del Quai des Orfèvres Jules Maigret.
Simenon, benchè giovane, aveva acquisito una certa pratica non solo nella scrittura, ma anche per quanto riguardava la stampa, la rilegatura, il costo della copertina, le tirature e le possibili rese. Aveva fatto i suoi bravi calcoli e quindi aveva raggiunto quella convinzione.
E' Simenon  stesso che ce lo racconta in Mémoires intimes (1981) e ricordiamoci che già aveva dovuto battagliare per far accettare una serie poliziesca dalle caratteristiche assai inconsuete per l'epoca e di cui l'editore non era affatto sicuro del successo.
 "...A cinque franchi lei dovrebbe risparmiare sule copertne e, anche così, sarebbe costreto a riservarmi una percentuale troppo bassa o andare in perdita...".
Simenon aveva tratto queste sue conclusioni dopo aver dato un'occhiata ad un foglietto di calcoli che poi era passato di mano a Fayard.
"...Non capisco perché lei calcoli cinquecento franchi per le copertine. Un buon disegnatore ce la farebbe per cento franchi e un disegnatore mediocre per cinquanta. Del resto non si sono ancora visti libri con copertine ricavate da fotografie.
- E' appunto una ragione per farlo noi..."
La solita datriba tra autore ed editore, con il primo che vorrebbe il meglio e la maggiore originalità per le proprie opere (e Simenon era sensibile non solo al contenuto letterario, ma anche alla confezione editoriale) e l'editore che cerca di risparmiare per raggungere un margine di guadagno maggiore.
Ovviamente la spuntò Simenon, dal momento che la prima serie di Maigret usci effettivamente con una copertina realizzata con una fotografia che occupava la facciata, ma anche il retro. Il fotografo, Andrè Vigneau, era molto apprezzato, ma tra gli autori delle copertine, ci racconta Simenon ci fu anche Man Ray (Un calme en Hollande).
Lo scrittore le avrebbe voluto addirittura lucide, ma i procedimenti all'epoca erano molto costosi e non assicuravano sempre un buon risultato.
Insomma l'attenzione di Simenon, dopo essersi focalizzata sulla creazione di un personaggio poliziesco davvero diverso da quelli che furoreggiavano all'epoca, si appuntava ora anche sulla veste grafica e addirittura sul lancio.
Già gli girava per la testa l'idea di una inconsueta modalità per far conoscere quella nuova serie. Fuori dai consueti circuiti letterari, lontano dai luoghi della cultura con la "C" maiuscola, ma un evento mondano che avrebbe dovuto far parlare tutta la città.
E già immaginiamo gli echi di quella scatenata festa alla Boule Blanche che lanciò i Maigret in grande stile e con grande effetto.

2 commenti:

Armidoro Sulpizio ha detto...

Anonimo ti segnalo che il tuo testo e' illeggibile!

Andrea Franco ha detto...

è uno spammer, purtroppo pgni tanto arriva,non sara neanche una persona