martedì 26 febbraio 2013

SIMENON. TUTTI PER UNO, NUOVA BIOGRAFIA... COLLETTIVA

Una nuova biografia collettiva per Simenon, edita da L'Edition de L'Herne ha fatto la sua apparizione. Il curatore Laurent Moulin, nome conosciuto dagli studiosi di Simenon, nonché responsabile del Fonds Simenon di Liegi, ha messo insieme praticamente i nomi dei più illustri e qualificati "simenonologi", da Pierre Assouline a Michel Carly, da Bernard Pivot a Michel Lemoine, da Danielle Bajomée a Bernanrd Alavoine, inserendo inoltre nomi nuovi nell'intento di proporre qualcosa che già non fosse già stato pubblicato sullo scrittore belga (cosa che sembrerebbe impossibile). Inoltre compaiono delle testimonianze dei contemporanei di Simenon, come Cocteau, Henry Miller, Max Jacob e Federico Fellini, ma anche di letterati d'oggi con Jean-Philippe Toussaint o Philippe Delerm. Ed infine una ricca sezione dedicata alla corrispondenza del romanziere con intellettuali e amici dell'epoca.
Interessanti anche le testimonianze dirette di Simenon, come la trascrizione della famosa intervista di Pivot nel 1981 in un'indmenticabile puntata della trasmissione televisiva francese Apostrophes. Il volume, della collana Cahier
de L'Herne, intitolato semplicemente Simenon, è poi arricchito da alcuni scritti inediti che ovviamente susciteranno grande interesse tra studiosi e appassionati.
Così a 110 anni dalla sua nascita si continuano a sfornare studi e biografie su quello che ormai, a nostro avviso, va considerato uno dei nomi di spicco della letteratura mondiale del '900. Anzi, azzarderemmo di più. A questo punto, vista l'attualità del personaggio per quanto riguarda la critica, riscontrato l'ottimo livello di vendite all'uscita di ogni suo titolo, e considerando le nuove edizioni delle sue opere (sia quelle che sono da poco uscite o quelle che sono state programmate in vari paesi del mondo), potremmo affermare che Simenon è stato anche un innovatore del romanzo. E questo è dimostrato sia dai temi trattati, sia dalle sue scelte linguistiche che dalla costruzione narrativa delle sue opere. Se coì non fosse tutti questi elementi non sarebbero ancora oggi tanto attuali, anche se dalla stesura di alcuni suoi romanzi sono ormai passati quasi ottant'anni (per la precisione ottantadue anni dai primi "Maigret", che per esepio in Italia alla loro ennesima uscita si piazzano ancora tra i titoli più venduti). Insomma questo cahier Simenon non può che sancire, ancora una volta, la sua statura e la sua originalità.

2 commenti:

Andrea Franco ha detto...

credo l autore sia laurent demoulin,amministratore dei fonds simenon.persona con cui in passato ho avuto modo di interloquire tramite email e rivelatasi molto cordiale

Armidoro Sulpizio ha detto...

Sul sito del editionsdelherne.com , vedendo la novita annunciata da Maurizio, e guardando il sommario della biografia veramente collettiva, non si puo non sperare in una traduzione in italiano. Chissa quando? In ogni caso e' da acquistare.