giovedì 7 febbraio 2013

SIMENON. MA MAIGRET QUANDO VA IN PENSIONE?

Abbiamo già scritto della "pensione" di Simenon, iniziata piuttosto presto, quando nel '72 si accorse che non poteva più entrare in état de roman e repentinamente decise che avrebbe smesso di scrivere. Aveva 69 anni e in realtà smise di scrivere romanzi... continuò un certa attività editoriale con i Dictées, incisi su registratore e sbobinati da Presses de La Cité, fatta eccezione per Lettre à ma mere del 1974 e Mémoires intimes del 1981.
Ma Maigret, il suo personaggio più famoso e diffuso, quando andò nel meritato riposo? Sappiamo che Simenon scrivendo i Maigret non seguiva cronologicamente il passare degli anni del commissario. Intanto perché scritte le prime diciannove inchieste per Fayard, aveva considerato chiuso, già nel gennaio del 1934, la sua esperienza della serie poliziesca, tutto intento alla sua attvità letteraria di romanziere.
Quindi non ci sono elementi per stabilire l'anno dell'entrata in pensione di Maigretm se non la legge francese di allora. Quindi dovrebbe essere stata a cinquantatre anni, come prevedeva il regolamento amministrativo di polizia, anche per i commissari di divisione come Maigret. Infatti nei numerosi titoli Maigret non va in pensione nell'ultima inchiesta pubblicata (Maigret et M. Charles - 1972) bensì Simenon ce lo presenta nella sua casetta di campagna a Meung-sur-Loire, proprio in quell'ultimo titolo per Fayard Maigret (scritto all'isola di Porquerolles nel giugno del 1933).
Poi come è noto dalla stesura di questo ultimo passarono cinque anni prima che riprendesse in mano le inchieste del commissario. Fu a La Rochelle nel luglio del 1938, quando scrisse Les Nouvelles enquêtes de Maigret.
L'ex commissario, in pensione  in questo paese (a 150 chilometri a sud di Parigi e a una ventina da Orléans), abitava nella piccola casa che aveva comprato qualche anno prima e che durante i weekend raggiungeva con la piccola vettura che aveva acquistato, ma che guidava la moglie. Ora era la sua casa e, cappello di paglia in testa, coltivava l'orto, andava anche a pesca e beveva un bianco quando la sete si faceva sentire. Si era un po' ingrassato, la barba un po' lunga (quand'era in servizio ogni giorno era rasato di fresco), procedeva tranquillamente. Nostalgia di Quai des Orfévres? Non lo sappiamo. O per lo meno Simenon non ce lo racconta.

3 commenti:

  1. in alcune inchieste troviamo maigret in pensione(nessuna è stata scritta tra le ultime)

    racconti (5)
    Mademoiselle Berthe et son amant
    Le notaire de Châteauneuf
    Ceux du Grand-Café
    Tempête sur la Manche
    L'improbable M. Owen

    romazni(3)
    Les mémoires de Maigret (non inchiesta)
    Maigret à New York
    Maigret se fâche

    RispondiElimina
  2. Paolo Secondini7 febbraio 2013 18:57

    Un po’ dispiace quando non è più possibile leggere le storie dei personaggi letterari ai quali ci si affeziona, come appunto Maigret, scomparso, in un certo senso, nel 1972, quando il suo autore decise di non scrivere più. E allora i romanzi che hanno per protagonista il celebre commissario parigino – che conta parecchi ammiratori in tutto il mondo – tornano a essere letti e riletti con lo stesso entusiasmo (forse un po’ nostalgico) della prima volta.

    RispondiElimina
  3. tuttavia il presunto pensionamento di Maigret , ossia lasciare Fayard per andare da Gallimard, era anche dovuto al fatto che Simenon voleva affermare il suo essere Scrittore. per nostra fortuna continuera' sia con i Maigret che con i romanzi che lo hanno reso famoso in tutto il mondo.

    RispondiElimina

LASCIATE QUI I VOSTRI COMMENTI, LE VOSTRE IMPRESSIONI LE PRECISAZIONI ANCHE LE CRITICHE E I VOSTRI CONTRIBUTI.